Differenza di lunghezza negli arti

Disturbi dell'accrescimento

La differenza di lunghezza degli arti inferiori (dismetria) può essere causata da un patologico incremento (ipermetria) o da un accorciamento (ipometria) della normale lunghezza degli arti. Le cause possono essere sono molteplici ma più frequentemente può essere riconosciuta una causa di natura malformativa o post-traumatica.
Il caso qui rappresentato concerne una ipometria dell’arto secondaria ad una condizione mal formativa presente sin dalla nascita e conosciuta con il nome di “tibia procurvata congenita”.

   
La correzione della deformità e l’allungamento dell’arto ipometrico vengono eseguiti simultaneamente secondo la metodica di Ilizarov.

Secondo i dettami di questa tecnica la corticomia, eseguita all’apice della deformità, è seguita dalla progressiva e lenta correzione della deformità angolare e dell’accorciamento al ritmo di 1 – 2 millimetri al giorno. Il rigenerato osseo, generatosi per distrazione dell’ematoma e del manicotto periostale periferico, va incontro ad una progressiva maturazione ed ossificazione sino ad assumere le caratteristiche morfologiche e meccaniche dell’osso diafisario.

La rimozione del fissatore esterno circolare avviene al termine di questo processo di correzione e maturazione.